Skip to main content

Il dolore oggi

Il dolore persistente e cronico è uno dei problemi medici meno riconosciuti e trattati del XXI secolo.
Secondo la più estesa ricerca europea sull’argomento, 1 adulto su 5 ne è affetto e se si
considera poi la situazione italiana i dati emersi sono ancora più preoccupanti: 14 milioni di italiani che ne soffrono. Se non curato adeguatamente, il dolore cronico finisce per
influire negativamente su tutti gli aspetti della salute e del benessere del paziente: è associato a significativa invalidità, con conseguente perdita di giorni di lavoro e di altre funzioni fisiche che possono sfociare in problemi più ampi, quali ridotta capacità di guadagno, problemi familiari e isolamento sociale. In aggiunta, il dolore cronico può portare ad una perdita di autostima, ed è spesso associato a depressione e ansia.

A chi ci rivolgiamo:

A tutti i pazienti con necessità di una definizione diagnostica e/o terapeutica per il dolore acuto, persistente e cronico come nel caso di:

  • Cefalee (tensive, emicrania, nevralgia occipitale, nevralgia del Trigemino)
  • Mal di schiena e lombo sciatalgie (discopatie come ernie e bulging)
  • Dolori osteoarticolari (tendinopatie, spalla gelata, periartriti e osteoporosi)
  • CPRS (algodistrofie)
  • Mobilizzazioni post chirurgia